ISON, arriva la super cometa che rilancia le teorie dei Maya

Sarà visibile a partire dal prossimo novembre 2013 e, come ogni cometa molto brillante, si annuncia come portatrice di sventure. Ison, scoperta a fine settembre, si sta dirigendo verso le regioni interne del Sistema Solare, ridando fiato a tutte le teorie catastrofistiche di fine 2012. L’oggetto attualmente si trova tra le orbite di Giove e Saturno ed ”e’ visibile con dei telescopi all’alba, tra le stelle poco appariscenti del Cancro”, ha spiegato l’astrofisico Gianluca Masi, curatore scientifico del Planetario di Roma e responsabile del Virtual Telescope. ”Se la cometa non tradira’ le attuali aspettative sara’ una delle comete piu’ luminose viste negli ultimi anni, alcune previsioni la danno luminosissima al pari della cometa C/2006 P1 McNaught, che alcuni anni fa mostro’ la sua bellissima coda nell’emisfero australe” osservata dall’astrofilo italiano Rolando Ligustri, che e’ stato uno dei primi a fotografarla. ”Ci sono attualmente alcuni se: il primo – spiega Ligustri – e’ un avvicinamento al pianeta Marte, che potrebbe modificare leggermente la sua orbita, poi l’avvicinamento al Sole che rischia di vaporizzarla, ma se questa cometa avra’ ‘la pelle dura’, riemergera’ dopo il 28 novembre 2013 subito dopo il tramonto e dovrebbe essere molto luminosa”. PERCORSO La cometa infatti nei primi mesi di ottobre del 2013 passera’ molto vicino a Marte, poi si dirigera’ nelle regione piu’ vicine al Sole. ”Considerando la sua orbita – spiega Masi – cosi’ come e’ stata determinata dalle osservazioni disponibili, essa raggiungera’ una minima distanza dal Sole il 28 novembre 2013, pari a circa 1,5 milioni di chilometri. Poche settimane dopo, sara’ a circa 60 milioni di chilometri dalla Terra, visibile dall’emisfero Nord”. E’ difficile predire il comportamento di questa cometa ma, sottolinea Masi, le stime piu’ ottimistiche la valutano potenzialmente brillante come la Luna piena nel momento di minima distanza dal Sole e suggeriscono che sara’ visibile ad occhio nudo tra i primi di novembre 2013 e le prime settimane dell’anno successivo”. Gli astronomi di tutto il mondo, spiega la Nasa, stanno monitorando questa ‘palla di neve’ gigante che si pensa arrivi direttamente dalla nube di Oort, per capire meglio la sua natura e come potrebbe evolvere nel corso dei prossimi 15 mesi.

TEORIE MAYA Intanto sui siti catastrofisti Ison è già diventata la nuova nemesi del 2013. Il fatto che alcuni astronomi stiano valutando la possibilità che si tratti di una cometa già apparsa in passato, la Grande Cometa del 1680, ha fatto destare il sospetto tra i sostenitori dell’ipotesi Nibiru che Ison altri non sia che il temuto pianeta X, ormai entrato nel nostro sistema solare dopo una lunghissima orbita intorno al Sole. L’apocalisse prevista per il dicembre di quest’anno sarebbe allora posticipata di un solo anno, forse un banale errore di calcolo dei Maya. A queste ipotesi fantasiose si associano quelle di chi ha già ripreso in mano le quartine di Nostradamus. Nella VI centuria, quartina 6, il veggente declama: “Apparirà verso il Settentrione / Non lungi dal Cancro la stella capelluta: / Susa, Siena, Boece, Eretrion, / Morirà di Roma grande, la notte dispersa”. Il fatto che la cometa Ison sia stata avvistata nella costellazione del Cancro ha subito ridestato interesse verso questa quartina assai poco chiara, come tutte quelle di Nostradamus. Altri hanno fanno notare che, se la Ison fosse la stessa cometa apparsa nel 1680, la sua orbita sarebbe di 333 anni, la metà esatta dell’infausto numero apocalittico 666. Insomma, ce n’è abbastanza da star sicuri di una cosa: ne sentiremo molto parlare nei prossimi mesi. 
http://www.leggo.it/
http://www.segnidalcielo.it
SEGUITECI SU FACEBOOK!!!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...