Stella Rinata Svela Il Futuro Del Sistema Solare

Gli astronomi hanno scoperte nuove prove sulla morte di una stella simile al Sole, che è brevemente tornata alla vita dopo la fusione i suoi gusci gassosi nello spazio, rappresentando il destino possibile del nostro Sistema Solare tra qualche miliardo di anni. Le immagini della nebulosa planetaria Abell 30, (aka A30), mostrano una delle più chiare vedute mai ottenute di una fase particolare dell'evoluzione di questi oggetti. L'immagine nel riquadro a destra è una vista ravvicinata di A30 mostrata a raggi X dal NASA Chandra X-ray Observatory in viola e dall 'Hubble Space Telescope (HST), nell'emissione ottica da ioni di ossigeno in arancione. A sinistra c'è una vista più grande che mostra i dati ottici e i raggi X dal Kitt Peak National Observatory e dell'ESA XMM-Newton. In questa immagine i dati ottici mostrano le emissioni di ossigeno (arancione) e di idrogeno (verde e blu) con le emissioni dei raggi X di colore porpora. Una nebulosa planetaria (così chiamata perché sembra un pianeta se vista con un piccolo telescopio) si è formata nella fase finale dell'evoluzione di una stella simile al Sole. Dopo aver costantemente prodotto energia per diversi miliardi di anni attraverso la fusione nucleare dall'idrogeno in elio nella sua regione centrale, o nucleo, la stella subisce una serie di crisi energetiche legate al depauperamento dell'idrogeno con la successiva contrazione del nucleo. Queste crisi culminano nella stella in una espansione di un centinaio di volte per diventare una gigante rossa. Alla fine, la busta esterna della gigante rossa viene espulsa e si allontana dalla stella ad una velocità relativamente tranquilla di meno di 100.000 miglia all'ora. La stella nel frattempo si trasforma da gigante fredda in una calda stella compatta che produce intensi raggi ultravioletti (UV) e un vento veloce di particelle che si muove a circa 6 milioni di miglia all'ora. L'interazione della radiazione UV e il veloce vento assieme alla busta espulsa dalla gigante rossa crea la nebulosa planetaria, dimostrata dalla grande conchiglia sferica presente nell'immagine. In rari casi, le reazioni di fusione nucleare nella regione circostante calore nucleo della stella la busta esterna della stella, tanto che diventa temporaneamente una gigante rossa di nuovo. La sequenza di eventi (espulsione della busta seguita da un veloce vento stellare) si ripete su una scala molto più veloce rispetto a prima e una piccola nebulosa planetaria viene creata all'interno dell'originale. In un certo senso, la nebulosa planetaria è rinata. La grande nebulosa vista nell'immagine più grande ha un'età di circa 12.500 anni e fu formata dall'interazione iniziale dei venti veloci e lenti. Il modello a nodi di quadrifoglio visti in entrambe le immagini, corrisponde al materiale recentemente espulso. Questi nodi sono stati prodotti più di recente, in quanto hanno un età di circa 850 anni, sulla base di osservazioni della loro espansione con l'HST. La diffusa emissione di raggi X vista nell'ingrandimento nella regione intorno alla sorgente centrale nell'inserto è causata da interazioni tra vento e dai nodi dalla stella del materiale espulso. I nodi sono riscaldati ed erosi da questa interazione, producendo emissione di raggi X. La causa delle emissioni puntiformi di raggi X dalla stella centrale è sconosciuta. Gli studi di A30 e di altre nebulose planetarie contribuiscono a migliorare la nostra comprensione dell'evoluzione di stelle simili al Sole man mano che si avviano verso la fine della loro vita. L'emissione di raggi X rivela come il materiale perso dalle stelle in diverse fasi evolutive interagisce uno con l'altro. Queste osservazioni di A30, situato a circa 5500 anni luce di distanza, forniscono un quadro del difficile ambiente in cui il Sistema Solare si evolverà tra diversi miliardi di anni, quando il forte vento stellare del Sole e la radiazione energetica faranno saltare quei pianeti che sono sopravvissuti alla precedente fase di gigante rossa di evoluzione stellare. Le strutture viste in A30 hanno originariamente ispirato l'idea della rinascita delle nebulose planetarie e solo tre altri esempi di questo fenomeno sono note. Un nuovo studio di A30, con gli osservatori di cui sopra, è stata riportato da un team internazionale di astronomi, il 20 Agosto 2012 sul The Astrophysical Journal. Foto In Alto Abell 30: nebulosa planetaria rinata. (Credit: Immagine del Chandra X-ray Observatory) A Cura Di Arthur McPaul Fonte: http://www.sciencedaily.com/releases/2012/11/121114083411.htm Ti potrebbero anche interessare: http://nemsisprojectresearch.blogspot.it/
SEGUITECI SU FACEBOOK!!!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...