DOPO L'INCIDENTE DI ROSWELL CI FU UN BALZO TECNOLOGICO PER L'UMANITA'

roswell-transistorNel luglio 1997, la American Computer Company (ACC) di Cranford, New Jersey, mise nel suo sito Internet una storia interessante, speculando che nel 1947 le Forze Aeree dell’Esercito statunitense potrebbero aver trasferito presso i Laboratori Bell una navicella spaziale aliena catturata, per la commercializzazione della sua tecnologia, col risultatodell’annuncio del transistor verso la fine dell’anno e il suo brevetto nel 1948-49, come pure delle sviluppo di altre importanti scoperte di ingegneria e comunicazioni.

Quella che è cominciata come una congettura interna è diventata una baraonda internazionale. Centinaia di migliaia di persone hanno visitato il sito web, e molte di loro hanno aggiunto i loro commenti ed opinioni. Alcuni hanno mandato documenti e persino prove a conferma dell’autenticità di parti della storia.
Svariate fonti hanno suggerito che gli effetti del transistor furono dimostrati la prima volta nel settembre 1947, dopo che gli scienziati dei Laboratori Bell ottennero accesso ad avanzate combinazioni di materiale le cui speciali proprietà conduttive erano sino ad allora sconosciute.

Il 40ttobre 1997 la ACC mise un avviso nel suo sito web, annunciando che rappresentanti del Dipartimento della Difesa ed altri individui interessati si erano incontrati in sessioni riservate con rappresentanti della American Computer, compreso il presidente della società Jack Shulman, durante la settimana precedente, in un luogo vicino alla università di Princeton, onde esaminare e discutere le prove di una possibile connessione tra gli UFO, i progetti segreti governativi e lo sviluppo del transistor presso i Laboratori Bell nel 1947. Secondo la CNI News, Jack Shulman ha presentato una varietà di differenti reperti, compreso un diario di laboratorio di 50 anni fa, un video amatoriale di UFO, documenti legali, testi di testimonianze oculari riguardanti l’incidente di Roswell nel ’47, e dichiarazioni di persone che affermano di avere conoscenze dirette circa un collegamento tra lo sviluppo del transistor e il trasferimento di informazioni segrete da una fonte militare ai Laboratori Bell nel 1947.

Shulman è stato intervistato nel programma radiofonico nazionale “Sightings on the Radio” da Jeff Rense, la sera del 15 ottobre 1997. Nel corso dell’intervista, Shulman ha detto che all’incontro hanno partecipato 18 persone dal Dipartimento della Difesa, dall’Aeronautica Militare e da svariati altri enti. Non ha approfondito sull’identità dei presenti, ma ha detto che due degli uomini indossavano uniformi dell’Air Force.
Shulman ha affermato che l’incontro privato è stato organizzato come precursore di quelli che spera diverranno incontri più aperti, “municipali”, dove gli ufficiali governativi passeranno in rassegna e risponderanno a questioni sugli UFO – comprese quelle recentemente sollevate dal colonnello Philip Corso come anche dalla American Computer come quella che la tecnologia aliena potrebbe essere passata tramite canali militari a compagnie come i Laboratori Bell, risultando in quelle nuove tecnologie che oggi diamo per scontate.

Quando interrogato in merito, Shulman era d’accordo che la possibile rivelazione di una fonte governativa segreta, collegata allo sviluppo del transistor, potrebbe benissimo determinare il più grosso scandalo della moderna storia degli affari, persino se la questione aliena venisse ignorata. Se il personale dei Laboratori Bell avesse acquisito, invece che inventato, la tecnologia che ha portato al transistor, la compagnia potrebbe non avere diritti legali sui brevetti. Le ripercussioni legali e finanziarie sarebbero tremende.
ROSWELL TRANSISTOR

Poi la saga ha preso una nuova piega quando, il 7 dicembre 1997, la American Computer Company ha annunciato in uno “sconvolgente” comunicato stampa che ora possiede il proprio dispositivo esotico derivato da una fonte sconosciuta, forse aliena: un prototipo basato sulla capacità, un apparecchio tipo transistor, chiamato “Transpacitore”, che eclisserebbe i transistor odierni. Segue un riassunto di quel comunicato stampa.

a) Nel luglio 1947, il Dipartimento della Forza Aerea dell’Esercito si assicurò i rottami di un velivolo precipitato e un intero velivolo fatto atterrare dagli occupanti che cercavano di determinare le condizioni dei loro compagni presso il luogo del primo incidente. Secondo quanto si asserisce, i velivoli catturati dalla Air Force sono di fabbricazione extraterrestre, dotati di meraviglie tecnologiche mai viste prima da esseri umani.

b) Come risultato di uno studio approfondito di annotazioni e oggetti da essa acquistati da fonte non precisata, la American Computer Company ha annunciato di aver recentemente scoperto un componente elettronico non identificato in precedenza, che ritiene sia sfuggito alla Air Force, alla IBM e alla Bell nel 1947. Le annotazioni riguardavano un progetto del 1947 che coinvolgeva IBM e AT&T, assoldate dalla Air Force per analizzare il relitto e l’astronave intatta durante luglio e agosto del 1947. Si afferma che almeno una delle analisi effettuate sui rottami portò nel settembre 1947 all’annuncio del transistor da parte di AT&T Bell Laboratories.

c) Il componente scoperto dalla American Computer Company è stato chiamato ‘Condensatore di Trasferimento’. La ACC ha deciso di farvi riferimento come ‘Transcap’ o ‘Transcondensatore’, e abbreviato come ‘T-cap’. La ACC ha avvertito di riservarsi questi nomi, insieme a ‘Transpacitore’, come marchi registrati ad uso della società. Esso detiene svariate caratteris!tche avanzate sino ad oggi sconosciute nell’industria elettronica, e la sua composizione non è correlata a quella del transistor.

La ACC ha dichiarato che il T-cap può immagazzinare energia in ‘livelli’ utilizzando un singolo componente microelettronico che, avendo solo quattro elementi fondamentali (il transistor ne ha soltanto tre), si potrebbe costruire tanto piccolo quanta lo permette la fisica, una particella infinitesimale, piccolo quanto una piccola parte di micron a livello molecolare, persino più piccolo di un singolo transistor come quelli utilizzati negli odierni microchip.

La ACC ha detto che i livelli di energia che il T-cap può immagazzinare possono rappresentare valori matematici sino a 10 alla 23ma potenza (1023), e si possono richiamare, tutto usando solo un singolo dispositivo transcap ed un semplice schema di circuito. Il Transcap potrebbe rivoluzionare i dispositivi di memorizzazione, in quanto sostituisce da 50 a 1.000 transistor utilizzati nei comuni chip di memoria. Una versione del Transcap si può usare come comparatore per consentire ‘matematica Booleana analogica’, quale quella normalmente utilizzata negli odierni computer. Come risultato, potrebbe rivoluzionare le dimensioni dei computer, riducendole da 1/50mo ad 1/1.OOOmo, o la loro capacità di memoria, incrementandola da 50 a 1.000 volte nello stesso spazio adoperata dai comuni sistemi di memoria odierni.

La ACC ha detto che i livelli di energia che il Transcap può immagazzinare si potrebbero anche ‘modulare’, ed essere configurati per rappresentare un ‘frammento’ di informazione, non semplicemente i bit e i byte immagazzinati nei computer di oggi. A quel punto opererebbe più come un pezzetto molto corto di nastro magnetico da registrazione.
Gli ingegneri della ACC, eccitati dalla loro scoperta, hanno descritto il circuito come fosse ‘simile in funzione alle sinapsi del cervello o alla pillola neurogangliale, eppure molto più piccolo, più preciso e molto, molto più veloce’.

Lo staff della ACC ha rivelato che nel suo funzionamento il Transcap ha una cessione di calore molto piccola, pertanto funziona con meno di un millesimo della dissipazione di calore dei circuiti di memoria convenzionali, eppure il suo ciclo di lettura (che richiede una riscrittura per riattivarsi dopo la lettura) opera nel campo di velocità dei sub-nanosecondi. L’energia dal Transcap viene riciclata dai cicli di lettura a quelli di scrittura, pertanto è altamente efficiente dal punto di vista energetico’, è stato divulgato, con poche o nulle emissioni di calore e nessuna perdita di energia, al contrario del transistor.
Secondo l’ACC, in aggiunta alle evidenti applicazioni nei computer, il Transcap può anche essere utilizzato come un oscillatore mono-frequenza ad alto voltaggio, con applicazioni in apparecchi laser, radio, microonde, comunicazione dati e ad ultra-frequenza. Il Transcap possiede caratteristiche che il transistor non ha: può immagazzinare l’energia oscillatoria e scaricarla tramite impulsi in sub-nanosecondi a voltaggi sino a 80 megavolt e frequenze vicine a quelle delle onde luminose.”

UN MOMENTO: C’È DELL’ALTRO!
Questo stupefacente episodio ha preso ancora un’altra piega quando, venerdì 19 dicembre 1997, Jack Shulman ha annunciato alla trasmissione radiofonica di Jeff Rense, “Sighting on the Radio”, che lui ed i suoi colleghi hanno scoperto un’organizzazione militare sinora ultrasegreta, che ha a che fare, e potrebbe dirigere ed utilizzare, la politica su UFO ed extraterrestri.
Nel programma, Shulman ha narrato un’incredibile sequela di avvenimenti, al culmine della quale lui ed altri colleghi della ACC, insieme al giornalista investigativo Bob Wolf, hanno avuto un confronto con personale dell’Air Force al Pentagono.
Nel corso di quello che è stato descritto come un incontro alquanto accalorato, si dice che quelli dell’Air Force abbiano rivelato, accidentalmente o meno, l’esistenza di questa organizzazione militare invisibile all’interno del Dipartimento della Difesa.
Shulman ha affermato che l’organizzazione viene chiamata “Direzione Comando Spaziale Extraterrestre”, o semplicemente “E2SCD”. Come già detto, questo gruppo, dipartimento o unità operativa militare ufficialmente non esiste in nessun archivio o database militare o governativo facilmente individuabile. Questa unità probabilmente viene chiamata semplicemente “E2″ da quelli che ne fanno parte o che devono sapere della sua esistenza.
Inoltre, Shulman ha spiegato a Rense come, quando lui e i colleghi si sono inizialmente occupati degli ormai famosi “appunti di laboratorio” (che apparentemente rivelano l’autentica origine del transistor: tecnologia extraterrestre recuperata), notarono nel testo parecchie annotazioni E2. N

Nel luglio 1997, la American Computer Company (ACC) di Cranford, New Jersey, mise nel suo sito Internet una storia interessante, speculando che nel 1947 le Forze Aeree dell’Esercito statunitense potrebbero aver trasferito presso i Laboratori Bell una navicella spaziale aliena catturata, per la commercializzazione della sua tecnologia, col risultatodell’annuncio del transistor verso la fine dell’anno e il suo brevetto nel 1948-49, come pure delle sviluppo di altre importanti scoperte di ingegneria e comunicazioni.

Quella che è cominciata come una congettura interna è diventata una baraonda internazionale. Centinaia di migliaia di persone hanno visitato il sito web, e molte di loro hanno aggiunto i loro commenti ed opinioni. Alcuni hanno mandato documenti e persino prove a conferma dell’autenticità di parti della storia.
Svariate fonti hanno suggerito che gli effetti del transistor furono dimostrati la prima volta nel settembre 1947, dopo che gli scienziati dei Laboratori Bell ottennero accesso ad avanzate combinazioni di materiale le cui speciali proprietà conduttive erano sino ad allora sconosciute.

Il 40ttobre 1997 la ACC mise un avviso nel suo sito web, annunciando che rappresentanti del Dipartimento della Difesa ed altri individui interessati si erano incontrati in sessioni riservate con rappresentanti della American Computer, compreso il presidente della società Jack Shulman, durante la settimana precedente, in un luogo vicino alla università di Princeton, onde esaminare e discutere le prove di una possibile connessione tra gli UFO, i progetti segreti governativi e lo sviluppo del transistor presso i Laboratori Bell nel 1947. Secondo la CNI News, Jack Shulman ha presentato una varietà di differenti reperti, compreso un diario di laboratorio di 50 anni fa, un video amatoriale di UFO, documenti legali, testi di testimonianze oculari riguardanti l’incidente di Roswell nel ’47, e dichiarazioni di persone che affermano di avere conoscenze dirette circa un collegamento tra lo sviluppo del transistor e il trasferimento di informazioni segrete da una fonte militare ai Laboratori Bell nel 1947.

Shulman è stato intervistato nel programma radiofonico nazionale “Sightings on the Radio” da Jeff Rense, la sera del 15 ottobre 1997. Nel corso dell’intervista, Shulman ha detto che all’incontro hanno partecipato 18 persone dal Dipartimento della Difesa, dall’Aeronautica Militare e da svariati altri enti. Non ha approfondito sull’identità dei presenti, ma ha detto che due degli uomini indossavano uniformi dell’Air Force.
Shulman ha affermato che l’incontro privato è stato organizzato come precursore di quelli che spera diverranno incontri più aperti, “municipali”, dove gli ufficiali governativi passeranno in rassegna e risponderanno a questioni sugli UFO – comprese quelle recentemente sollevate dal colonnello Philip Corso come anche dalla American Computer come quella che la tecnologia aliena potrebbe essere passata tramite canali militari a compagnie come i Laboratori Bell, risultando in quelle nuove tecnologie che oggi diamo per scontate.

Quando interrogato in merito, Shulman era d’accordo che la possibile rivelazione di una fonte governativa segreta, collegata allo sviluppo del transistor, potrebbe benissimo determinare il più grosso scandalo della moderna storia degli affari, persino se la questione aliena venisse ignorata. Se il personale dei Laboratori Bell avesse acquisito, invece che inventato, la tecnologia che ha portato al transistor, la compagnia potrebbe non avere diritti legali sui brevetti. Le ripercussioni legali e finanziarie sarebbero tremende.
ROSWELL TRANSISTOR

Poi la saga ha preso una nuova piega quando, il 7 dicembre 1997, la American Computer Company ha annunciato in uno “sconvolgente” comunicato stampa che ora possiede il proprio dispositivo esotico derivato da una fonte sconosciuta, forse aliena: un prototipo basato sulla capacità, un apparecchio tipo transistor, chiamato “Transpacitore”, che eclisserebbe i transistor odierni. Segue un riassunto di quel comunicato stampa.

a) Nel luglio 1947, il Dipartimento della Forza Aerea dell’Esercito si assicurò i rottami di un velivolo precipitato e un intero velivolo fatto atterrare dagli occupanti che cercavano di determinare le condizioni dei loro compagni presso il luogo del primo incidente. Secondo quanto si asserisce, i velivoli catturati dalla Air Force sono di fabbricazione extraterrestre, dotati di meraviglie tecnologiche mai viste prima da esseri umani.

b) Come risultato di uno studio approfondito di annotazioni e oggetti da essa acquistati da fonte non precisata, la American Computer Company ha annunciato di aver recentemente scoperto un componente elettronico non identificato in precedenza, che ritiene sia sfuggito alla Air Force, alla IBM e alla Bell nel 1947. Le annotazioni riguardavano un progetto del 1947 che coinvolgeva IBM e AT&T, assoldate dalla Air Force per analizzare il relitto e l’astronave intatta durante luglio e agosto del 1947. Si afferma che almeno una delle analisi effettuate sui rottami portò nel settembre 1947 all’annuncio del transistor da parte di AT&T Bell Laboratories.

c) Il componente scoperto dalla American Computer Company è stato chiamato ‘Condensatore di Trasferimento’. La ACC ha deciso di farvi riferimento come ‘Transcap’ o ‘Transcondensatore’, e abbreviato come ‘T-cap’. La ACC ha avvertito di riservarsi questi nomi, insieme a ‘Transpacitore’, come marchi registrati ad uso della società. Esso detiene svariate caratteris!tche avanzate sino ad oggi sconosciute nell’industria elettronica, e la sua composizione non è correlata a quella del transistor.

La ACC ha dichiarato che il T-cap può immagazzinare energia in ‘livelli’ utilizzando un singolo componente microelettronico che, avendo solo quattro elementi fondamentali (il transistor ne ha soltanto tre), si potrebbe costruire tanto piccolo quanta lo permette la fisica, una particella infinitesimale, piccolo quanto una piccola parte di micron a livello molecolare, persino più piccolo di un singolo transistor come quelli utilizzati negli odierni microchip.

La ACC ha detto che i livelli di energia che il T-cap può immagazzinare possono rappresentare valori matematici sino a 10 alla 23ma potenza (1023), e si possono richiamare, tutto usando solo un singolo dispositivo transcap ed un semplice schema di circuito. Il Transcap potrebbe rivoluzionare i dispositivi di memorizzazione, in quanto sostituisce da 50 a 1.000 transistor utilizzati nei comuni chip di memoria. Una versione del Transcap si può usare come comparatore per consentire ‘matematica Booleana analogica’, quale quella normalmente utilizzata negli odierni computer. Come risultato, potrebbe rivoluzionare le dimensioni dei computer, riducendole da 1/50mo ad 1/1.OOOmo, o la loro capacità di memoria, incrementandola da 50 a 1.000 volte nello stesso spazio adoperata dai comuni sistemi di memoria odierni.

La ACC ha detto che i livelli di energia che il Transcap può immagazzinare si potrebbero anche ‘modulare’, ed essere configurati per rappresentare un ‘frammento’ di informazione, non semplicemente i bit e i byte immagazzinati nei computer di oggi. A quel punto opererebbe più come un pezzetto molto corto di nastro magnetico da registrazione.
Gli ingegneri della ACC, eccitati dalla loro scoperta, hanno descritto il circuito come fosse ‘simile in funzione alle sinapsi del cervello o alla pillola neurogangliale, eppure molto più piccolo, più preciso e molto, molto più veloce’.

Lo staff della ACC ha rivelato che nel suo funzionamento il Transcap ha una cessione di calore molto piccola, pertanto funziona con meno di un millesimo della dissipazione di calore dei circuiti di memoria convenzionali, eppure il suo ciclo di lettura (che richiede una riscrittura per riattivarsi dopo la lettura) opera nel campo di velocità dei sub-nanosecondi. L’energia dal Transcap viene riciclata dai cicli di lettura a quelli di scrittura, pertanto è altamente efficiente dal punto di vista energetico’, è stato divulgato, con poche o nulle emissioni di calore e nessuna perdita di energia, al contrario del transistor.
Secondo l’ACC, in aggiunta alle evidenti applicazioni nei computer, il Transcap può anche essere utilizzato come un oscillatore mono-frequenza ad alto voltaggio, con applicazioni in apparecchi laser, radio, microonde, comunicazione dati e ad ultra-frequenza. Il Transcap possiede caratteristiche che il transistor non ha: può immagazzinare l’energia oscillatoria e scaricarla tramite impulsi in sub-nanosecondi a voltaggi sino a 80 megavolt e frequenze vicine a quelle delle onde luminose.”

UN MOMENTO: C’È DELL’ALTRO!
Questo stupefacente episodio ha preso ancora un’altra piega quando, venerdì 19 dicembre 1997, Jack Shulman ha annunciato alla trasmissione radiofonica di Jeff Rense, “Sighting on the Radio”, che lui ed i suoi colleghi hanno scoperto un’organizzazione militare sinora ultrasegreta, che ha a che fare, e potrebbe dirigere ed utilizzare, la politica su UFO ed extraterrestri.
Nel programma, Shulman ha narrato un’incredibile sequela di avvenimenti, al culmine della quale lui ed altri colleghi della ACC, insieme al giornalista investigativo Bob Wolf, hanno avuto un confronto con personale dell’Air Force al Pentagono.
Nel corso di quello che è stato descritto come un incontro alquanto accalorato, si dice che quelli dell’Air Force abbiano rivelato, accidentalmente o meno, l’esistenza di questa organizzazione militare invisibile all’interno del Dipartimento della Difesa.
Shulman ha affermato che l’organizzazione viene chiamata “Direzione Comando Spaziale Extraterrestre”, o semplicemente “E2SCD”. Come già detto, questo gruppo, dipartimento o unità operativa militare ufficialmente non esiste in nessun archivio o database militare o governativo facilmente individuabile. Questa unità probabilmente viene chiamata semplicemente “E2″ da quelli che ne fanno parte o che devono sapere della sua esistenza.
Inoltre, Shulman ha spiegato a Rense come, quando lui e i colleghi si sono inizialmente occupati degli ormai famosi “appunti di laboratorio” (che apparentemente rivelano l’autentica origine del transistor: tecnologia extraterrestre recuperata), notarono nel testo parecchie annotazioni E2. Non avendo a1cuna idea, al tempo, di cosa significasse E2, Shulman e la sua squadra di scienziati ritennero che E2 fosse qualche tipo di simbolo o codice di progetto.

Shulman ha detto che un’estesa ricerca nella Biblioteca del Congresso non ha rivelato nulla sull’Extraterrestrial Electronics Space Directorate o E2SCD.
In una discussione in merito, Shulman ha detto ora di ritenere che un fax top-secret che la American Computer Company aveva ricevuto misteriosamente diversi mesi prima, sia stato trasmesso da un satellite che potrebbe benissimo appartenere ed essere impiegato dal E2SCD.

Fonte: http://www.gotanotherway.com/IANNC/482/La_tecnologia_extraterrestre_di_Roswell_ha_portato_al_transistor- See more at: http://www.lastoriavariscritta.it/dall-incidente-ufo-di-roswell-al-transistor/#sthash.dJakQ2Ha.dpuf

on avendo a1cuna idea, al tempo, di cosa significasse E2, Shulman e la sua squadra di scienziati ritennero che E2 fosse qualche tipo di simbolo o codice di progetto.

Shulman ha detto che un’estesa ricerca nella Biblioteca del Congresso non ha rivelato nulla sull’Extraterrestrial Electronics Space Directorate o E2SCD.
In una discussione in merito, Shulman ha detto ora di ritenere che un fax top-secret che la American Computer Company aveva ricevuto misteriosamente diversi mesi prima, sia stato trasmesso da un satellite che potrebbe benissimo appartenere ed essere impiegato dal E2SCD.

Fonte: http://www.gotanotherway.com/IANNC/482/La_tecnologia_extraterrestre_di_Roswell_ha_portato_al_transistor- See more at: http://www.lastoriavariscritta.it/dall-incidente-ufo-di-roswell-al-transistor/#sthash.dJakQ2Ha.dpuf

Nessun commento: