Ricercatori scoprono un’incredibile antico Papiro egiziano con dati astronomici



L’antico papiro, chiamato Cairo 85637, è il più antico documento storico perseverato che include dati di osservazioni “a occhio nudo” della stella variabile Algol, o beta (β) Persei.
La stella Algol, era secondo gli antichi egizi, una manifestazione di Horus, più esattamente secondo gli egizi rappresentava l’Occhio di Horus, il dio del cielo dell’antica mitologia egizia, che contiene previsioni di fortuna o sfortuna per ogni giorno di un anno.





I ricercatori dell’Università di Helsinki hanno condotto un’analisi statistica dei testi mitologici di questo calendario. La loro analisi ha rivelato che i periodi di Algol (2,85 giorni) e Luna (29,6 giorni) regolano fortemente le azioni delle divinità in questo calendario.

“Queste eclissi della durata di circa dieci ore, possono essere facilmente osservate ad occhio nudo. Il loro periodo è stato scoperto dall’astrofilo inglese John Goodricke nel 1783 “, dice il docente Lauri Jetsu dell’Università di Helsinki.

“Siamo in grado di spiegare perché il periodo di Algol è aumentato di circa 0,017 giorni”, ha aggiunto Lauri Jetsu. “L’incremento del periodo durante gli ultimi tre millenni potrebbe essere stato causato dal trasferimento di massa osservata tra i due membri di questo sistema binario. In realtà, questa sarebbe la prima osservazione che conferma l’aumento del periodo di Algol e dà anche una stima della velocità di trasferimento di massa”.



La variabilità di Algol è stata registrato prima in tempi moderni nel 1670 da Geminiano Montanari. Tuttavia, una recente ricerca conferma che la stella variabile e il suo periodo, sono stati scoperti molto prima di quanto si pensasse. Sembra abbastanza chiaro che gli egiziani, hanno studiato per 3 millenni tale variabilità e indicato che il periodo di Algol era 2,85 giorni. Per motivi religiosi, gli antichi Egizi hanno registrato questo periodo in un antico papiro, descrivendo questi cambiamenti ripetitivi.

Ciò conferma anche i due “moderni” risultati astrofisici riportati da un gruppo di ricercatori di Helsinki nel 2013: la prima osservazione diretta del previsto aumento del periodo di Algol e di un trasferimento di massa stimata con precisione a lungo termine in questo sistema binario.



“Sembra che la prima osservazione di una stella variabile è stata fatta 3000 anni prima di quanto si pensasse”, dice Lauri Jetsu. “Tuttavia, voglio sottolineare che la nostra ricerca è stata solo inviata a una rivista scientifica circa due settimane fa. Questo tipo di risultati può sollevare un sacco di polemiche prima di essere accettati. “

Come gli antichi egizi avevano la possibilità di effettuare osservazioni astronomiche, ancora accurate e incredibilmente difficili, è ancora un mistero per gli studiosi moderni. Queste misurazioni accurate, effettuate migliaia di anni fa, prevedono vincoli utili per gli astronomi moderni di tutto il mondo.

“Non avrei dubbi, se qualcuno ha sostenuto per esempio, che la Bibbia contiene informazioni circa l’acqua su Marte. Noi abbiamo ipotizzato che i testi religiosi egiziani antichi, contengono informazioni e nozioni di astrofisica su Algol e tutto questo è stato una sorpresa. Ma oggi dobbiamo fare i conti… ancora… con gli scettici, ” dichiara il docente Lauri Jetsu.

Fonte: segnidalcielo

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...