Si avvicina la malefica congiunzione Marte-Saturno, 2 aprile 2018

Per gli astrologi tradizionali questa congiunzione, che comincia a farsi sentire alla fine di marzo, è infame e fatale e terribile; richiede la massima cura e lavoro


Il 2 aprile, presenterà l’esatta congiunzione di Marte e Saturno nell’ottavo grado della costellazione del Capricorno. La più recente congiunzione tra Marte e Saturno si è verificata il 25 agosto 2016 e la prossima sarà presentata il 31 marzo 2020. Questo evento è, secondo l’astrologia tradizionale, un evento estremamente sfortunato e degno della massima attenzione.

Per gli astrologi tradizionali Marte (il pianeta della guerra e del conflitto) e Saturno (il pianeta della morte e delle pene) sono i due “mali”, i pianeti più avversi e sfortunati. Una congiunzione generalmente amplifica i suoi effetti.

Va detto che la congiunzione è attiva per diversi giorni prima e dopo il 2 aprile, poiché una congiunzione per alcuni astrologi ha influenza fino a dieci gradi di differenza. A peggiorare le cose, la congiunzione di Marte-Saturno viene presentata in quadrato con il Sole e Mercurio retrogrado in Ariete, due nature contrapposte e opposte in un angolo difficile. Ariete, il segno in cui Saturno ha il suo detrimento, è un segno impulsivo, ardente, appassionato, mentre il Capricorno è riflessivo, cauto, conservatore. Questa stessa opposizione è intrinseca a Marte e Saturno poiché Marte governa l’Ariete – l’energia veemente, un segno di fuoco – e Saturno in Capricorno – un’energia malinconica, un segno di terra, fredda e secca.

SEGUICI SENZA CENSURE SU TELEGRAM

D’altra parte questo non è del tutto negativo, poiché in Capricorno Saturno ha il suo domicilio e Marte è esaltato, il che consente anche l’espressione delle migliori qualità di questi pianeti. In ogni caso ci si aspettano due settimane difficili e impegnative, in cui pazienza, attenzione, riflessione, non bisogna bruciare le aspettative, non disperare e non essere frustrati se le cose non scorrono come si pensa.

L’astrologo ellenico Vetio Valente descrive Saturno con parole del tipo: maligne, meschine, solitarie, ingannevoli, severe, miserabili, prive di energia, piene di ostacoli, tristi … Per Marte: violenza, guerra, esilio, bugie, vanità, furto, rabbia, lotte, cause legali, amori, forza, leadership, azione, fuoco, ferro.

L’astrologo William Lilly dice di Saturno che è afflitto: invidioso, ambizioso, geloso, diffidente, timoroso, sordido, stolto, misogino, bugiardo, maligno, mai felice e sempre lamentoso. Marte quando è afflitto è: disonesto, privo di modestia, ama il conflitto, il furto, l’omicidio, lo shock, la sedizione, il tradimento, è uno spirito turbolento, osceno, impulsivo, disumano, immorale, furioso. Marte è il pianeta dei tiranni, delle arterie, del colore rosso, delle febbri.

Come possiamo vedere, Saturno e Marte condividono astrologicamente alcuni degli elementi base e più bassi della natura, ciò che Jung chiamò l’ombra. Entrano anche in conflitto perché c’è bisogno di riposo, riflessione, lentezza, cura e l’altra è esplosività, vitalità, impulso. Questo ovviamente genera una difficoltà, una natura che tira su lati diversi.

Detto questo, sarebbe assurdo pensare che tutto sia sfortuna e che si debba semplicemente chiudersi e pregare che le cose non siano poi così male (anche se una piccola riserva contemplativa non è superflua). Se questi pianeti sono considerati archetipi o schemi collettivi che fanno parte della natura e della psiche, allora si comprende che essi presentano anche fasi di lavoro, apprendimento e persino una luce sui processi inconsci che dobbiamo risolvere.

Entrambi i pianeti sottolineano l’importanza dell’azione e del lavoro. Marte da una parte è la forza e l’energia che spinge ad agire e Saturno dall’altra parte è la legge morale che forza l’azione e punisce o retribuisce gli atti. Saturno è l’archetipo del vecchio, duro e giudizioso padre (padre Cronos, Mr. del Karma), che richiede i suoi figli e se non ottiene una risposta può essere estremamente crudele (fino al punto di divorarli).

Se comprendiamo questi pianeti come dei, come i numeri che appaiono nella vita, dobbiamo quindi adorarli, sacrificandoli, per così dire, sull’altare di questi dei, dando loro il cibo che gli piace. E questi dèi chiedono disciplina, forza, coraggio, azione e allo stesso tempo pazienza, tenacia e impegno per una struttura morale. Quindi il modo migliore per aggirare questa congiunzione malvagia, è mantenere l’ordine e adempiere al dovere, con ciò che si sa fare, oltre il piacere o il dolore, seguendo uno zelo ed equanimità uno scopo trascendentale


Fonte ®wld

https://www.ufoworld.tv/news/si-avvicina-la-temuta-congiunzione-dei-due-malefici-marte-saturno-2-aprile-2018/

SEGUICI SENZA CENSURE SU TELEGRAM

stampa la pagina

Nessun commento:

Post più popolari