La scienza asservita al "dio denaro"


"Se questa scienza, che tanti vantaggi porterà all'umanità, non troverà il significato umano delle proprie scoperte, si rigirerà contro l'umanità"
 
Giordano Bruno 1548-1600



La scienza quando si tratta di sviluppare nuovi congegni per servire la sfera militare non si nega di certo. Sicuramente lo fa per il "progresso" ed il bene dell'intera umanità.
Per questo, ad esempio hanno inventato la nanotecnologia che ha permesso la creazione di zanzare droni che consentono la "puntura" di soggetti target, magari per avvelenarli o inserire un chip dentro il loro corpo, o chissà che altro. Certo, per il nostro bene, non dubitiamo. Così come le armi psicotrope, le armi psicotroniche e la bio ingegneria (vedi anche qui) le armi a
microonde come Medusa usate per instillare messaggi subliminali o per disperdere le folle, armi solo apparentemente non letali. Ma questa scienza marcia asservita al denaro, può garantirci che variando un parametro o una frequenza tali armi non possano trasformarsi in congegni letali? Perché mai la scienza dovrebbe offrire una tale garanzia del resto, quando solo per quanto riguarda il settore dei medicinali l'unico criterio che i luminari seguono è come garantire più pazienti  ed allungare lo stato patologico per ingrassare Big Pharma.

Sono bravi a fare i pubblicitari, questo indubbiamente, come per il cannone sonico , spacciato come ottimo sistema per placare gli incendi. Indubbiamente lo è, pensando a quanta acqua non andrà più sprecata, ma purtroppo anche il suono è stato prima visto con interesse per ricavarne un'arma. Certo, se non  generassero a monte le condizioni con Haarp per creare anche la siccità sarebbe più utile, già, ma non redditizzio.

La scienza, una volta era una preziosa alleata dell'uomo, chissà quando si trasformò in mera prostituta del profitto ripudiando ogni proposito di bontà e salvezza per gli abitanti del pianeta terra insieme alle altre forme di vita.
Se tutto l'impegno profuso nella creazione di questi nuovi strumenti di tortura e di morte fosse stato profuso nella reale ricerca, magari contro le malattie, forse si potrebbe avere ancora un barlume di fiducia nella scienza. Oggi questi esploratori da laboratorio ricercano esclusivamente i metodi finalizzati ad ottenere fondi con flussi costanti, dimostrando un totale disinteresse per rimedi reali che costituiscano una cura. Continuano con la brutale ed inutile pratica della vivisezione, perché è business anche quella e al massimo ciò che "ricercano" è la creazione di nuovi virus e batteri con i quali terrorizzare attraverso lo spettro d'imminenti pandemie e far lucrare a dovere l'industria dei vaccini.

Fa davvero rimpiangere gli stregoni, la scienza, che dovrebbe farsi un gran bel mea culpa, senza doversi stupire più di tanto se dovesse mai ritornare il tempo delle persecuzioni contro gli scienziati. In quel caso l'avrebbero senza dubbio voluto loro, sempre ammesso che le  diavolerie create in precedenza non abbiano già disintegrato il genere umano ed il pianeta terra.

Nessun commento: