Altro che i Maya, Secondo gli Scienziati Mancano 5 Minuti all’Apocalisse!


Altro che il 21 dicembre 2012 dei Maya. Dal punto di vista della scienza, mancano solo cinque minutiall’Apocalisse. Ieri ilBullettin of Atomic Scientists (un gruppo di studiosi che fa capo all’Università di Chicago) ha spostato in avanti di un minuto le lancette delDoomsday Clock, l’orologio che misura la distanza fra il genere umano e il disastro nucleare ed ecologico, simboleggiato dalla mezzanotte.

Adesso, appunto, l’orologio segna mezzanotte meno cinque.

Il Doomsday Clock esiste dal 1947, e in tutto questo tempo le lancette sono state spostate solo 20 volte. Fino all’altro ieri segnava sei minuti a mezzanotte.

Ora il Bullettin of Atomic Scientists ha azzerato l’ottimismo con in quale, nel 2010, aveva fatto indietreggiare di un minuto le lancette, nella convinzione – allora – che i leader del mondo fossero davvero intenzionati a lottare contro le minacce che incombono sul destino dell’umanità. Ci eravamo sbagliati, ha detto in sostanza il gruppo.

Motivi dello spostamento in avanti delle lancette: i grandi del mondo non sono riusciti a sbarazzarsi delle armi nucleari (ce ne sono in circolazione 20.000, salute!); Fukushima ha mostrato una volta di più i pericoli dell’energia nucleare; nulla di fatto nella lotta aicambiamenti climatici: il punto di non ritorno può essere vicino.

Il quotidiano britannico Guardian, poi, mette in evidenza il sotterraneo disappunto del gruppo riunito nel Bullettin of Atomic Scientists a proposito del disprezzo mostrato dai politici nei confronti dei fatti accertati dalla scienza.

Un tema di cui non si parla nel comunicato stampa con cui il Bullettin motiva l’avvicinamento all’Apocalisse, ma che comincia ad emergere con prepotenza: basti pensare che la Nasa, nell’ultimo mese o poco più, ha preso a scientifiche sberle per ben due volte il presidente UsaObama, o meglio le sue decisioni a proposito dello sfruttamento delle sabbie bituminose e dei cambiamenti climatici.

In effetti a proposito dei cambiamenti climatici (e non solo) esiste un abisso incolmabile frapolitica e scienza. I dati scientifici mostrano che stiamo andando a passo di carica verso la catastrofe: bisogna trovare energie pulite e smettere di usare combustibili fossili, responsabili dell’effetto serra.

I politici non se ne curano. Screditano la scienza (è lo sport preferito dei candidati repubblicani alle elezioni presidenziali americane, nota il Guardian) o, nella migliore delle ipotesi, non le prestano attenzione.

Il Doomsday Clock fu allestito da un collegio di scienziati atomici nel 1947, due anni dopo Hiroshima e Nagasaki. Segnava allora sette minuti alla mezzanotte.

La massima distanza dalla mezzanotte – 17 minuti – fu nel 1991, in occasione della firma di un trattato per il disarmo fra Usa e Urss. Quella minima nel 1953, in piena guerra fredda: due minuti appena alla mezzanotte.

Il comunicato stampa del Bullettin of Atomic Scientists il Doomsday Clock segna mezzanotte meno cinque. Sul Guardian le lancette del Doomsday Clock si avvicinano di un minuto alla mezzanotte.

Nessun commento: