LA MISTERIOSA TESTA DI PIETRA DEL GUATEMALA COMPLETAMENTE IGNORATA DALLA STORIA!

Più di mezzo secolo fa, nel profondo delle giungle del Guatemala, una gigantesca testa di pietra è stata scoperta. Il volto aveva lineamenti fini, labbra sottili e naso grosso e il suo volto era diretto verso il cielo. Insolitamente, il volto ha dimostrato caratteristiche caucasiche che non erano compatibili con qualsiasi delle presenze pre-ispanica d’America. La scoperta rapidamente ha attirato l’attenzione, ma altrettanto rapidamente è scivolata via nelle pagine della storia dimenticata.



La notizia della scoperta prima emerse quando il dottor Oscar Rafael Padilla Lara, un dottore in filosofia, avvocato e notaio, ha ricevuto una fotografia della testa nel 1987 con una descrizione che la fotografia era stata scattata nel 1950 da parte del proprietario del terreno in cui la testa è stato trovata e che si trovava “da qualche parte nella giungla del Guatemala”.

La fotografia e la storia è stata stampata in un piccolo articolo della newsletter ‘cieli Antiche “, che è stato raccolto e letto dall’ esploratore e noto autore David Hatcher Childress , uno degli autori ospite ad Ancient-Origins.net, che cercarono di scoprire di più sulla misteriosa testa di pietra. Ha rintracciato il dottor Padilla che ha riferito di aver trovato i proprietari della struttura, la famiglia Biener, in cui è stato trovato il monolite. Il sito di 10 chilometri su un piccolo villaggio a La Democracia, nel sud del Guatemala.

Tuttavia, il dottor Padilla ha detto che era in preda alla disperazione quando ha raggiunto il sito e ha scoperto che il sito era stato cancellato: “E ‘stato distrutto da rivoluzionari circa dieci anni fa.Avevamo individuato la statua troppo tardi. E ‘stata utilizzata come tiro al bersaglio dai ribelli anti-governativi. La statua totalmente sfigurata:gli occhi, il naso e la bocca erano completamente spariti. Padilla era in grado di misurare la sua altezza tra 4 e 6 metri, con la testa appoggiata su un collo. Padilla non tornò di nuovo al sito a causa di attacchi armati tra le forze governative e le forze ribelli nella zona.

La distruzione della testa significava la morte rapida di una parte di storia fino a quando la foto è stata riutilizzata di nuovo un paio di anni fa, in ” Rivelazioni dei Maya il 2012 e oltre “, per sostenere che gli extraterrestri hanno avuto contatti con le civiltà del passato . Il produttore ha pubblicato un documento scritto dall’ archeologo guatemalteco Hector E Majia quale scrisse: “Certifico che questo monumento non presenta caratteristiche dei Maya, nahuatl, olmeca o qualsiasi altra civiltà preispanica ‘è stato creato da una civiltà straordinaria e superiore con una conoscenza impressionante. di cui non vi è alcuna traccia di esistenza su questo pianeta “.

Tuttavia, lungi dal contribuire alla causa e all’indagine sul monolite, questa pubblicazione è servita solo per avere l’effetto opposto, gettando l’intera storia nelle mani di un pubblico giustamente scettico che pensavano che era tutto solo una trovata pubblicitaria. Anche la lettera stessa è stata redatta con un certo dicendo che non è vero.

Tuttavia, sembra che la testa gigante esisteva e non ci sono prove che suggeriscono che la fotografia originale non è autentica o l’identità del dottor Padilla era falsa. Quindi ammesso che fosse vero, le domande restano: Da dove viene? Chi l’ha fatta? E perché?

La Democracia, in realtà è già famosa per le teste di pietra che, come la testa di pietra trovato nella giungla, con il viso verso il cielo. Questi sono conosciuti per essere stati creati dalla civiltà olmeca, che fiorì tra il 1400 e il 400 aC. Il cuore olmeca era la zona del Golfo del Messico Lowlands, tuttavia, manufatti in stile olmeca, disegni, monumenti e dell’iconografia sono stati trovati in siti di centinaia di chilometri al di fuori del cuore degli Olmechi, tra cui La Democracia.


Tuttavia, la testa di pietra raffigurata nella fotografia del 1950 non condivide le stesse caratteristiche o stile, come le teste degli Olmechi. Il defunto Phillip Coppens , autore belga, conduttore radiofonico e commentatore televisivo su questioni di storia alternativa ha sollevato la questione se la testa “è un’anomalia del periodo degli Olmechi, o se è parte di un altra – sconosciuta – cultura che ha preceduto o post- datato gli Olmechi, e il cui manufatto unico individuato finora è la testa Padilla.

Altre domande che sono state poste includono se la struttura era solo una testa, o se vi era un corpo sotto, come le statue dell’Isola di Pasqua , e se la testa di pietra è legata ad altre strutture della regione. Sarebbe bello conoscere le risposte a queste domande, ma purtroppo sembra che la pubblicità che ha circondato il film “Rivelazioni dei Maya 2012 e oltre” servita solo a seppellire la storia più in profondità. Speriamo che un ambizioso esploratore prenderà in considerazione la storia ancora una volta per indagare ulteriormente e trovare la verità riguardo a questo monumento enigmatico.


Nessun commento:

SEGUITECI SU FACEBOOK!!!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...